24 x 1 ora Buttrio: Memorial Luciano Visintin

Memorial Luciano Visintini Staffetta Cittadina Internazionale

Partenza Edizione 2018:
sabato 16 giugno

 

Finaltà edizione 2014

L’ospedale del ASS2 di Monfalcone ed in particolare il personale medico ed infermieristico del 118 e dei Dipartimenti d’Emergenza sono i diretti interessati al progetto 2014. In sintesi, si tratta di uno speciale manichino “ALS (Advanced Life Support) Simulator”, per l’addestramento realistico e interattivo del personale addetto alla gestione dell’emergenza. Uno strumento particolarmente efficace per la comunicazione, la preparazione al lavoro di squadra attraverso la simulazione. Il manichino ALS è dotato di un innovativo software con numerosi scenari preimpostati, per mezzo del quale è semplice avviare il proprio programma formativo comprendente la simulazione

 

Finaltà edizione 2013

Il progetto dell'Edizione 2013 non è di fatto un'apparecchiatura medica ma non certo per questo sarà meno utile.
Da qualche anno, le Aziende di Servizi Sanitari della nostra Regione, cercano di potenziare l'assistenza a domicilio del personale infermieristico.
Un servizio che sempre più si rivela utile per quelle persone in fase postoperatoria e/o di una certa età che, pur non avendo bisogno di rimanere ricoverate nelle strutture ospedaliere, necessitano di medicazioni, prelievi e assistenza infermieristica quotidiana presso la loro abitazione.
Ovviamente per sopperire a queste necessità, sono indispensabili i mezzi per spostarsi sul territorio.
La scelta del Gruppo organizzatore della 24x1ora per il 2013, è per l'appunto un automobile di tipo ibrido (benzina ed energia elettrica) che non trascura inoltre l'aspetto ambientale ed ecologico.
Il destinatario sarà, per la precisione, ASS-2 Isontina con sede a Gorizia, la spesa di tale progetto sarà indicativamente di euro 16.500,00

 

Finaltà edizione 2012

Nella seconda edizione della 24x1ora (anno 2007) era stata donata al reparto di neonatologia dell' Ospedale S. Maria della Misericordia di Udine, un'apparecchiatura per l'analisi densito-strutturale del tessuto osseo mediante ultrasuoni alla falange della DBM Sonic Aurora.
Tale apparecchio copriva esclusivamente la parte neonatale.
Quest'anno, a fronte della segnalazione del reparto pediatrico, della Direzione Sanitaria del medesimo Ospedale, e sulla necessità di continuare il monitoraggio sui piccoli pazienti, che non rientrano più in età neonatale ma bensì pediatrica, il gruppo organizzatore della 24x1 ora e 6x1 ora di Buttrio, ha deciso di implementare l'apparecchiatura sopra descritta, ad un utilizzo multiplo (neonatale e pediatrico).
Per raggiungere tale obbiettivo sarà necessario apportare alcune modifiche alla macchina esistente, sia a livello di software che di hardware, nonché integrare anche le sonde di rilevamento per bambini che hanno superato il periodo neonatale.
Naturalmente questo intervento dovrà essere svolto presso la Società IGEA di Carpi (MO), produttrice di tale apparecchio, che avrà cura di effettuare queste modifiche ed implementazioni nei tempi più brevi possibili onde evitare che i reparti restino privi dello strumento per tempi troppo lunghi.
La scelta della finalità dell’edizione 2012 è stata supportata anche dal fatto che attualmente i due reparti che si occupano dei neonati e dei bambini sono situati allo stesso piano del padiglione e quindi molto facilitati nello spostamento dell’apparecchiatura da una zona all’altra.
Non va trascurato il notevole risparmio che implica l’utilizzo dello stesso strumento da parte di più reparti, considerando che, se avessimo dovuto donare un ulteriore macchina solo alla pediatria, ì costi sarebbero stati molto più alti (oltre i 17.00,00 €).
Nel nostro caso risparmieremo quasi 10.000,00 €, somma che di questi tempi non è facilmente reperibile.

 

Finaltà edizione 2011

L'obiettivo sarà quello di acquistare e donare all’Ospedale Gervasutta di Udine, due apparecchiature, ed in particolare, un apparecchiatura di insufflazione ed esufflazione meccanica per la rimozione delle secrezioni polmonari. Nel caso specifico questa apparecchiatura sarà utilizzata da pazienti colpiti da SLA (sclerosi laterale amiotrofica) ed un Elettrostimolatore per il recupero funzionale degli arti superiori nei pazienti tetraplegici completo di un complesso software in grado di elaborare e interfacciare i segnali provenienti dal cervello umano.

 

Finaltà edizione 2010

Il ricavato, i contributi, sponsorizzazioni e donazioni liberali saranno, in questa specifica edizione, utilizzati per acquistare e donare al Reparto di Pediatria dell’Ospedale di S. Daniele del Friuli due apparecchiature mediche. Entrambi gli strumenti saranno utilizzati in ambito pediatrico e trattasi, nello specifico di un sistema palmare per Otoemissioni acustiche e di uno strumento di monitoraggio in continuo dei valori glicemici con indicazione grafica e registrazione dei dati.

 

Finaltà edizione 2009

Il ricavato della manifestazione è stato utilizzato utilizzato per l’acquisto di un Tester Palmare per lo screening audiologico neonatale 'ALGO 3i natus' con tecnologia ABR (Auditory Brainstem Respons). Detto strumento è il più recente sistema per lo screening uditivo dei neonati. Il motivo di questa scelta è legato all'elevatissima affidabilità dello screening ABR, sia in termini di Sensitività (100% dei neonati con problemi uditivi vengono 'catturati') che di Specificità (il 97 – 98% di tutta la popolazione indaginata viene correttamente individuata. E' stato donato all'Ospedale S. Antonio Abbate di Tolmezzo (Ud).

 

Finaltà edizione 2008

L'utile della manifestazione è stato utilizzato utilizzato per l'acquisto di 8 letti attrezzati per la 'Stroke Unit' del reparto di Medicina dell'Ospedale di Palmanova (UD). Per stroke unit si intende un reparto di 4-16 letti in cui i malati con ictus sono seguiti da un gruppo (team) multidisciplinare di infermieri, di tecnici della riabilitazione e di medici competenti ed esclusivamente dedicati alle malattie cerebrovascolari. Gli aspetti qualificanti delle stroke unit sono: la multiprofessionalità dell'équipe, l'approccio integrato medico e riabilitativo, la formazione continua del personale, l'istruzione dei pazienti e dei familiari. Dall'analisi dei dati di 20 studi selezionati risulta che nelle stroke unit si previene una morte ogni 32 casi trattati, che un paziente in più ritorna a vivere a casa ogni 16 trattati e che un caso in più ogni 18 recupera l'indipendenza. L'Unità per raggiungere i propri obiettivi, (riduzione della mortalità, delle complicanze e recupero funzionale), abbisogna anche di presidi con caratteristiche specifiche. Letti speciali sollevabili in altezza permettono agli operatori di svolgere al meglio le loro attività assistenziali. Le diverse articolazioni migliorano il confort del paziente favorendo il recupero funzionale.

 

Finaltà edizione 2007

L'utile della manifestazione è stato utilizzato utilizzato per l'acquisto della "DBM Sonic Aurora", un'apparecchiatura innovativa per l'analisi denso-strutturale del tessuto osseo mediante ultrasuoni alla falange del bambino prematuro.
Tale attrezzatura è stata destinata all'Azienda Ospedaliera Universitaria Santa Maria della Misericordia di Udine, Dipartimento materno infantile s.o.c. patologia neonatale, guidato dal Prof. Dott. Francesco Macagno, ch diveterà costì uno dei primi ospedali in Italia a poter usufruire di questo strumento.
Potrai trovare maggiori informazioni su questo tipo di apparecchiatura sul sito del produttore . www.igeamedical.com

 

Finaltà edizione 2006

L'utile dell'edizione 2006 è stato utilizzato per l'acquisto di una apparecchiatura per stereofotogrammetria dinamica, donata al Centro di riabilitazione infantile dell'Istituto di Medicina Fisica e Riabilitazione “Gervasutta” di Udine (leggi l'articolo su SPORTFRIULI.it). Tale apparecchio permette lo studio della colonna vertebrale senza necessità di radiografie o altri metodi invasivi, può pertanto essere usato ogni qualvolta lo si ritenga necessario essendo privo di effetti collaterali.

VALUTAZIONE NON INVASIVA DELLA COLONNA VERTEBRALE MEDIANTE STEREOFOTOGRAMMETRIA

La scoliosi ed il dorso curvo sono dei difetti di sviluppo della colonna vertebrale che interessano fino al 10% dei bambini e adolescenti; fortunatamente in molti casi il problema resta di piccola entità e non comporta particolari conseguenze. Anche nei casi più lievi però è spesso necessario ricorrere a delle radiografie e nei casi che tendono a peggiorare le radiografie necessarie possono essere numerose prima della fine dello sviluppo.
Presso il Gervasutta, da oltre 10 anni, sono in corso degli studi approfonditi sulla valutazione non invasiva della colonna, con metodi di superficie. Questi studi hanno permesso di sviluppare diversi strumenti originali che sono stati accolti con favore dalla comunità scientifica internazionale. Gli studi sono stati pubblicati su prestigiose riviste internazionali e alcuni strumenti ora sono utilizzati da fisiatri, pediatri e fisioterapisti in tutta Italia. L'uso sistematico delle misurazioni di superficie ha già permesso una significativa riduzione degli esami radiografici.
Ora l'equipe coordinata dal dr Flavio D'Osualdo (Responsabile della Riabilitazione Patologie ad Esordio Infantile del Gervasutta) in collaborazione con studiosi di topografia, informatica e matematica dell'Università di Udine e con il Corso di Laurea in Fisioterapia, ha avviato una nuova linea di ricerca clinica per studiare la colonna vertebrale con metodi ottici: si tratta appunto della tecnica stereofotografia, ben nota in campo ingegnieristico, tecnica basata sul principio della visione binoculare che permette una ricostruzione tridimensionale dell'oggetto fotografato, a partire da due immagini riprese da due angolazioni diverse. Gli studi di fattibilità sono già stati effettuati con ottimi risultati e ora l'equipe è pronta per l'applicazione clinica.
Una volta messa a punto, la tecnica stereofotografia di valutazione della colonna servirà per i controlli periodici dei bambini e ragazzi con scoliosi, per verificare l'efficacia degli esercizi di ginnastica correttiva e l'effetto dei busti ortopedici, il tutto limitando al massimo la necessità di radiografie. La strumentazione potrà essere utile anche negli anziani, per seguire l'evoluzione della colonna affetta da osteoporosi per cause ormonali o invecchiamento.

 

  • TDS - Timing Data Service
  • Con il patrocinio di
  • Comune di ButtrioCon il patrocinio del Comune di Buttrio
  • Provincia di UdineCon il patrocinio della Provincia di Udine
  • Regione Autonoma FVGCon il patrocinio del Comune di Buttrio
  • Protezione CivileCon il patrocinio del Comune di Buttrio

Se il sito non viene visualizzato correttamente, probabilmente non state utilizzando un browser che supporta gli standard
In questo caso è sufficiente aggiornare il proprio browser all'ultima versione disponibile: